Status Attuale
Not Enrolled
Prezzo
Chiuso
Inizia
This corso is currently closed

Questo è un testo promozionale di esempio.

LINGUA

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Español

FAQ

LINGUA

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Español

LINGUA

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Español
La viticoltura biodinamica professionale
Status Attuale
Not Enrolled
Prezzo
Chiuso
Inizia
This corso is currently closed
Pubblicato il: 27/07/2020

La viticoltura biodinamica professionale – Video corso

BREVE descrizione

Per la prima volta in Italia la viticoltura biodinamica professionale è disponibile in formato on-line con 5 lezioni interattive e con filmati esclusivi girati a Col d’Orcia per seguire da vicino un percorso concreto aziendale.

In collaborazione con Cambium Formazione

La viticoltura biodinamica professionale

Questo corso include:

DESCRIZIONE

Lezione 1 – Introduzione alla viticoltura biodinamica professionale: priorità e organismo agricolo

Relatore Adriano Zago (Direttore di Cambium Formazione)

Quali sono i principali strumenti per introdurre in modo concreto, visionario e sostenibile la viticoltura biodinamica in una azienda?
In questa prima lezione approfondiamo il concetto dell’organismo agricolo o in altri termini come introdurre una biodiversità funzionale in vigneto e nell’azienda agricola.

All’interno di questa lezione proponiamo un video girato a Col d’Orcia dove si può osservare come la prestigiosa azienda di Montalcino ha organizzato i suoi fattori della produzione, introducendo in modo vantaggioso l’organismo agricolo.

Lezione 2 – Il capitale più importante dell’azienda viticola di qualità: la sostanza organica del suolo

Relatore Adriano ZAGO (Direttore di Cambium Formazione)

Il principale e più efficace strumento nella viticoltura biodinamica per attivare la vitalità del suolo, aumentare la qualità e quantità di sostanza organica e attivare una solida e misurabile collaborazione tra le radici della vite e il suolo è il preparato biodinamico 500.

In questa lezione vengono spiegati i tratti essenziali del funzionamento del preparato, i metodi pratici di dinamizzazione, distribuzione e di osservazione dei risultati.

Un video esclusivo permette di “toccare con mano” il modo in cui Col d’Orcia gestisce nella pratica la cura, l’allestimento e la distribuzione del preparato biodinamico 500 (nei più di 140 ettari di vigneto).

Clicca qui per vedere un’anteprima della lezione


Lezione 3 – Riflessioni e casi pratici sulla difesa fitosanitaria nella viticoltura biodinamica

Relatore Enzo Mescalchin (già professore alla Fondazione Edmund Mach)

In questa lezione affrontiamo le seguenti tematiche:

  • Riduzione dei dosaggi di rame
  • Ricerca dell’equilibrio vegeto-produttivo
  • Strategie di prevenzione e tempestività nella difesa dalle crittogame

Clicca qui per vedere un’anteprima della lezione


Lezione 4 – Il compostaggio nell’azienda viticola biodinamica

Relatore Adriano ZAGO (Direttore di Cambium Formazione)

Trasformare scarti produttivi in sostanza organica di elevata quantità da utilizzare direttamente nel vigneto è una grande sfida e opportunità che ogni azienda viticola può cogliere.
Il compostaggio viticolo biodinamico ha come obiettivo la produzione di humus di grande qualità e permette all’azienda viticola di non ricorrere più nell’acquisto di concimi esterni e di poter chiudere internamente il ciclo di produzione di sostanza organica.

Nel video girato a Col d’Orcia viene mostrato come sono stati allestiti i molti cumuli per il compostaggio viticolo tenendo conto delle necessità logistiche, economiche e produttive aziendali.

Lezione 5 – Il sovescio come strumento di qualità nel vigneto gestito in agricoltura biodinamica

Relatore Adriano ZAGO (Direttore di Cambium Formazione)

La tecnica del sovescio è sempre più diffusa nella corretta gestione dei vigneti di qualità.
In questa lezione esaminiamo la polifunzionalità del sovescio utilizzato nel vigneto biodinamico: aumento della biodiversità, produzione di sostanza organica, utilità nella gestione dell’entomofauna, regolazione del potenziale di vigoria del vigneto.

Una breve descrizione delle funzionalità delle principali famiglie botaniche utilizzate nei sovesci e del loro apparato radicale permetterà di capire al viticoltore come indirizzare la scelta del sovescio idoneo nella gestione del proprio vigneto.

Nel video girato a Col d’Orcia si potrà inoltre scoprire come viene gestito il sovescio nei vigneti dell’azienda e osservare come il sovescio interagisce con il suolo, vigneto e paesaggio.

Clicca qui per vedere un’anteprima della lezione

Adriano Zago, Direttore di Cambium Formazione

Enzo Mescalchin, Fondazione Edmund Mach

TOP
CARRELLO 0