Status Attuale
Not Enrolled
Prezzo
Chiuso
Inizia
This corso is currently closed

Questo è un testo promozionale di esempio.

LINGUA

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Español

FAQ

LINGUA

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Español

LINGUA

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Español
Premium
Status Attuale
Not Enrolled
Prezzo
Chiuso
Inizia
This corso is currently closed
Pubblicato il: 24/03/2021

Marcatori analitici per la predizione dell’astringenza

BREVE descrizione

In questo lavoro, hanno provato a correlare alcuni dei metodi analitici più comuni con le caratteristiche di astringenza, basandosi su un campione di 77 vini italiani, tutti diversissimi fra loro.

Questo corso include:

DESCRIZIONE

Quando enologi e ricercatori si confrontano sui tannini, è evidente l’utilizzo di tanti descrittori diversi, l’uso di tanti modi di definire l’astringenza, così come l’utilizzo di tanti metodi analitici. In questo lavoro, hanno provato a correlare alcuni dei metodi analitici più comuni con le caratteristiche di astringenza, basandosi su un campione di 77 vini italiani, tutti diversissimi fra loro. Quali sono le correlazioni significative tra gli attributi sensoriali di astringenza e i parametri analitici legati ai polifenoli, e soprattutto, quali di queste sono positive?

La relazione di Gambuti Angelita, appartenente alla sessione dedicata al progetto D-wines, presentata alla 12ª edizione di Enoforum (Vicenza, 21-23 maggio 2019), introduce i risultati ottenuti dallo studio sui marcatori analitici per la predizione dell’astringenza.

Il progetto D-Wines, condotto in maniera congiunta da sei enti di ricerca italiani e connesso a numerose realtà produttive delle principali denominazioni nazionali, si pone come obiettivo l’identificazione delle caratteristiche di identità e tipicità dei principali vini italiani e lo sviluppo di pratiche di cantina e di vigneto per la loro gestione.

Consulta qui le altre relazioni della sessione dedicata al progetto D-wines

AUTORE
Angelita Gambuti | Università degli Studi Federico II di Napoli

TOP

CARRELLO 0