Webinar live: Elementi di diritto… di vino

Con questa serie di webinar l’avvocato Alessio Gennari, esperto di diritto commerciale, societario e vitivinicolo, ci accompagnerà in un percorso di approfondimento per aiutarci non solo a dipanare l’intricata regolamentazione nazionale e comunitaria, ma anche, attraverso accurati approfondimenti storiografici, a comprendere l’origine storica delle leggi che regolano il settore.

Specifiche

Categorie: , ,

Descrizione

È necessario iscriversi ad ogni webinar singolarmente.

Clicca sul titolo per iscriverti:

webinar #1 martedì 3 novembre 2020    17h00 – Da Domiziano all’Unione Europea: l’origine normativa del mercato vitivinicolo

webinar #2 martedì 24 novembre 2020     17h00 – Il sistema dei controlli nel mercato vitivinicolo

webinar #3 martedì 15 dicembre 2020       17h00 – La responsabilità penale dell’impresa agricola nell’attività vitivinicola

Docente: avv. Alessio GENNARI

L’apparato legislativo che regola il sistema vitivinicolo è indubbiamente complesso: tra le disposizioni comunitarie, quelle nazionali, e la loro interpretazione applicativa, che non di rado varia da un ufficio competente all’altro, o tra regioni e province diverse, è veramente difficile ottemperare con tranquillità e sicurezza a tutti gli adempimenti richiesti. Tale complessità però non è solo frutto della “cattiveria” del legislatore o della scarsa efficacia degli organismi di controllo, ma spesso ha motivazioni storiche che trovarono una precisa ragion d’essere in situazioni contingenti, alcune risalenti addirittura all’impero romano.

Consulta il programma dettagliato dopo le modalità di partecipazione.

Ai soci Assoenologi verranno riconosciuti 2 crediti formativi convenzionali per la partecipazione ad ogni incontro.

Termine di iscrizione: alle 12h00 del giorno di svolgimento previsto per ogni webinar, o al raggiungimento del numero massimo di partecipanti gestibile con la piattaforma GoToWebinar.

Ricordiamo che domande e commenti su casi studio inerenti le tematiche nei diversi incontri possono essere inviate anche in anticipo per iscritto entro il venerdì precedente ogni webinar all’indirizzo webinar@vinidea.it, specificando nell’oggetto della mail “Domanda per avv. Gennari + codice webinar di riferimento”.

Quote di partecipazione (IVA 22% inclusa):

Webinar #1 (LEX01W1): gratuito

Webinar #2 (LEX01W2) e  Webinar #3 (LEX01W3):
Quota d’iscrizione base:  40,00 € cad.
Quota preferenziale riservata alle associazioni convenzionate:  Sconto 20% (*)
Quota preferenziale riservata soci SIVE e abbonati Infowine Premium:  Sconto 35% (**)

(*) La richiesta del coupon che dà diritto allo sconto deve essere inoltrata ai referenti delle associazioni di riferimento; elenco completo su www.vinidea.it, sezione FAQ.
(**) Per ottenere il coupon scrivi a iscrizioni@vinidea.it

Clicca qui per abbonarti ad Infowine Premium
Clicca qui per iscriverti alla SIVE

La quota comprende: la partecipazione al seminario on line, la possibilità di riascoltarne la registrazione sul sito Vinidea, il materiale didattico e l’attestato di partecipazione.

Modalità di partecipazione: l’iscrizione va fatta direttamente on-line dal sito www.vinidea.it e sarà ritenuta valida solo se perfezionata entro il termine indicato e secondo la modalità di pagamento prescelta. In caso di pagamento con bonifico, l’iscrizione verrà confermata solo a ricezione dell’effettivo accredito sul c/c destinatario; a questo proposito si consiglia di effettuare l’iscrizione almeno tre giorni lavorativi prima del termine di iscrizione all’evento, altrimenti i tempi tecnici di accredito rischiano di non consentire la partecipazione. In caso di pagamento con carta di credito o account Paypal, l’iscrizione verrà confermata solo in caso di esito positivo della transazione.

Tutti gli iscritti riceveranno via e-mail il link per partecipare ad ogni webinar (sarà inviata un’e-mail per ogni singolo appuntamento) e le indicazioni su come effettuare il collegamento. È quindi di fondamentale importanza fornire recapiti e-mail che vengono costantemente controllati e numeri di telefono ai quali si è sempre reperibili.
La comunicazione verrà spedita tramite la piattaforma GoToWebinar: verificare che il messaggio non venga erroneamente archiviato nella cartella della Posta Indesiderata.

I corsi saranno attivati al raggiungimento del numero minimo di partecipanti previsto per ciascun evento.

Si consiglia di leggere attentamente le nostre FAQ e le CONDIZIONI DI VENDITA della piattaforma WebinarPro che si occupa della gestione dei pagamenti, dell’emissione delle fatture/ricevute d’acquisto e in generale di tutte le operazioni amministrative legate agli acquisti perfezionati tramite il sito www.vinidea.it

 

PROGRAMMA DETTAGLIATO

#1 martedì 3 novembre        17h00 – Da Domiziano all’Unione Europea: l’origine normativa del mercato vitivinicolo
Lo schedario viticolo, le autorizzazioni ai nuovi impianti, le dichiarazioni obbligatorie, le denominazioni sono tutti provvedimenti normativi posti a tutela e regolamentazione del mercato. Per cogliere il senso di questi provvedimenti è necessario fare un passo indietro nella storia, e da quel punto osservare come le esigenze odierne del mercato, oggi dettate dall’Europa, sono, per certi versi, ancora le medesime esigenze di duemila anni fa. Infatti, grazie alla prima regolamentazione del mercato, con la successione di due provvedimenti normativi, l’editto di Domiziano dell’anno 92 d.C. e quello di Probo dell’anno 281 d.C., è stato possibile creare quello che oggi ha dato origine a oltre i tre quarti del panorama viticolo europeo e che dà vita all’odierno mercato vitivinicolo che, come quello di allora, necessita di altrettanti presidi normativi per potervi dare una adeguata regolamentazione.

(Codice LEX01W1)

#2 martedì 24 novembre      17h00 – Il sistema dei controlli nel mercato vitivinicolo
Il sistema dei controlli posto a presidio della regolamentazione del mercato vitivinicolo è oltremodo complesso. In tale sistema si interfacciano diversi protagonisti (Europa-Mipaaf-ICQRF-Regioni-Autorità di controllo private-Consorzi), tutti competenti a vario titolo di uno specifico segmento di attività a cui sono sottoposti i soggetti della filiera vitivinicola. Questi ultimi per poter rivendicare le denominazioni o le indicazioni geografiche devono essere immessi, in termini generali, in un sistema di controllo che obbliga (salvo rare eccezioni) all’uso del Sistema Informativo Agricolo Nazionale (SIAN). Per poter orientarsi in un sistema così vasto e frastagliato, non esistendo una sola una fonte normativa primaria di riferimento, è necessario fare un poco d’ordine tra i diversi provvedimenti normativi/amministrativi in materia, aventi questi le più disparate fonti normative, per comprendere infine chi fa chi, chi fa cosa e quali sono i diritti dei soggetti che danno vita alla filiera vitivinicola.

(Codice LEX01W2)

#3 martedì 15 dicembre        17h00 – La responsabilità penale dell’impresa agricola nell’attività vitivinicola

La responsabilità penale dell’ente, introdotta dal D. lgs 231/01, riguarda anche i partecipanti alla filiera vitivinicola. In tale contesto l’impresa agricola rappresenta una singolarità nei modelli di organizzazione e controllo, poiché ha regole proprie e presunzioni per quanto riguarda il sistema delle giacenze e dei controlli ai quali è sottoposta. È necessario prima declinare tali singolarità all’interno del quadro normativo di riferimento, per poi comprendere in che modo possano rientrare nel modello organizzativo adottato a prevenire i reati poiché, il fare altrimenti, potrebbe comportare il rischio di avvicinare l’ente ad una possibile responsabilità penale senza però avere esatta contezza delle ragioni. Si aggiunga inoltre che la filiera vitivinicola vive soprattutto del lavoro agricolo ed ecco allora che alcune norme poste a tutela del lavoro, come le disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento del lavoro, accedono direttamente ai reati presupposto imputabili all’ente e allora anche tali aspetti normativi più critici devono essere debitamente intesi per valutare il corretto inquadramento del modello organizzativo atto a prevenire i reati.

(Codice LEX01W3)